Il nostro mare ha lanciato una richiesta di soccorso: l’inquinamento da plastica ha raggiunto livelli inaccettabili, il cui impatto è stato già accertato in 700 specie marine.

x

Ascolta gli SOS del Pianeta Blu.

Sostenere Greenpeace è un aiuto concreto per proteggere il mare dall’inquinamento da plastica.
Scegli il tipo di donazione
{{donationTypeLabels[donationType]}}
Scegli quanto donare
{{quote}} € Altro

La quota minima di donazione è di {{currentMinAmount()}} €

Seleziona una quota

Inserisci i tuoi dati

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio Email non valida

Campo obbligatorio Numero non valido

Scegli il metodo di pagamento {{paymentTypeLabels[payment]}}
Inserisci gli estremi del RID bancario

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio

Campo obbligatorio

Come sostenitore verrai informato, in linea con le tue preferenze e interessi, anche via email, telefono, sms e via posta, tramite il servizio di aggiornamento dedicato. Tuteliamo la tua privacy.

Informativa art. 13, d. lgs 196/2003
I tuoi dati personali saranno trattati da Greenpeace Onlus – titolare del trattamento – Via della Cordonata 7, 00187 Roma (RM) per le operazioni connesse alla donazione, per informare su iniziative e progetti realizzati anche grazie al contributo erogato, per inviare la propria rivista e il materiale informativo riservati ai sostenitori, per campagne di raccolta fondi e sondaggi, in linea con le tue preferenze e i tuoi interessi. Per dette finalità, potranno essere utilizzati strumenti di comunicazione tradizionale e elettronica (posta cartacea, e-mail, telefono, Sms). I dati saranno trattati, manualmente e elettronicamente con metodologie di analisi statistica, esclusivamente dalla nostra associazione e dai responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra. Non saranno comunicati né diffusi né trasferiti all'estero e saranno sottoposti a idonee procedure di sicurezza. Gli incaricati del trattamento per i predetti fini sono gli addetti a gestire i rapporti con i sostenitori, all'amministrazione, all'organizzazione di campagne di raccolta di fondi e sensibilizzazione, al call center, ai sistemi informativi e di sicurezza dei dati. Ai sensi dell'art. 7, d. lgs 196/2003, scrivendo al titolare al suddetto indirizzo postale o all'e-mail sostenitori.it@greenpeace.org, si possono esercitare i relativi diritti fra cui consultare, modificare, cancellare i dati o opporsi al loro trattamento per motivi legittimi o per scopi informativi e promozionali, anche limitatamente a uno o più strumenti di contatto (es.: via e-mail e/o Sms e/o posta e/o telefono). Qualora non sia precisato, l'opposizione al trattamento dei dati per fini informativi sarà inteso esteso a tutti gli strumenti di contatto. Allo stesso modo è possibile richiedere l'elenco completo e aggiornato dei responsabili del trattamento.

Insieme a The Blue Dream Project e un team di ricercatori, biologi e videomaker, Greenpeace sta navigando nel mar Tirreno per monitorare l’impatto che la plastica ha sull’ecosistema marino: dalle foci dei fiumi, strade dei rifiuti verso il mare, seguiremo le rotte dei cetacei, sempre più spesso trovati morti con lo stomaco pieno di plastica, fino a una ”Isola che C’è”, ma non si vede, fatta di micro e macro plastiche accumulate dalle correnti marine.

Rispondi anche tu agli SOS del mare e dei suoi meravigliosi abitanti: proteggilo insieme a Greenpeace!

SOSTIENI GREENPEACE NELLA PROTEZIONE DEL MARE

Quella dell’inquinamento da plastica è una delle principali minacce all’ecosistema marino. Nel Mediterraneo, a pagarne il prezzo più alto sono le meravigliose creature che vi abitano: tartarughe, ma anche grandi cetacei come la balenottera comune e il capodoglio. Si stima che, in tutto il mondo, la metà delle balene e dei delfini abbia ingerito plastica.

Ecco come la tua donazione può aiutarci a monitorare lo stato di salute del mar Mediterraneo.



1 giorno di attrezzature subacquee

30

Le microplastiche sono un pericolo invisibile: ingerite dagli animali possono risalire la catena alimentare e arrivare fino a noi. Per comprendere il loro impatto è necessario immergersi e raccogliere campioni di sedimenti marini.
DONA ORA

1 ora di riprese underwater

40

Il mondo sottomarino è ricco di vita: lo stiamo davvero perdendo per sempre? Documentare questo prezioso ecosistema, e i crescenti rischi che lo minacciano, serve a sensibilizzare sempre più persone sull’importanza di proteggerlo.
DONA ORA

Binocolo per avvistamento

80

Conoscere i comportamenti degli animali marini è fondamentale per proteggerli. I nostri biologi seguono le rotte dei cetacei per monitorare le aree marine protette e le zone che dovrebbero rientrare in una rete di santuari marini.
DONA ORA


TAPPA1
TAPPA1
TAPPA1
TAPPA1

MAYDAYMAYDAY

ARGENTARIO (Porto Santo Stefano)
18.05.2019

Play Video Porto Santo Stefano


TAPPA2
TAPPA2
TAPPA2
TAPPA2

THE BLUE DREAM PROJECT

MAR TIRRENO
19.05.2019

Le nostre navi sono in missione in altri luoghi del Pianeta: questa volta, per monitorare lo stato di contaminazione del Tirreno, siamo a bordo della Mahayana, goletta tutta in legno di The Blue Dream Project. ll capitano Francesco Nanni ha solcato l’Atlantico per portarla fin qui dalla Nuova Scozia (dove è stata realizzata secondo stile e metodi tradizionali). Mahayana è un’ambasciatrice messa a disposizione di cittadini, ricercatori e studenti per campagne di ricerca e sensibilizzazione sull'inquinamento da plastica in mare.


TAPPA3
TAPPA3
TAPPA3
TAPPA3

FIUMI DI PLASTICA

LAZIO (Foce del Tevere)
22.05.2019

Tappa alla Foce del Tevere. Insieme a un team di ricercatoridel CNR e dell’Università Politecnica delle Marche,stiamo analizzando la presenza di micro plastiche. Recenti ricerche indicano che l’80% della plastica che finisce in mare - milioni di tonnellate ogni anno, di ogni forma e dimensione - si origina in ambienti terrestri come discariche, industrie e impianti di trattamento delle acque reflue. I fiumi sono quindi una delle vie principali della plastica in mare. Aiutaci a monitorare lo stato di inquinamento di questi veri e propri “fiumi di plastica”.


TAPPA4
TAPPA4
TAPPA4
TAPPA4

IL FIUME PIÙ INQUINATO D'ITALIA?

CAMPANIA (Foce del Sarno)
28.05.2019

Play Video Foce del Sarno


TAPPA5
TAPPA5
TAPPA5
TAPPA5

LA STRAGE DEI CETACEI

SARDEGNA (Olbia)
30.05.2019

Dall’inizio dell’anno è un bollettino di guerra: più di un capodoglio al mese trovato morto, alcuni esemplari con lo stomaco pieno di plastica! La plastica, se ingerita da un cetaceo, causa problemi digestivi, limita l’assunzione dei nutrienti, può trasportare sostanze chimiche e agenti patogeni. E’ ancora da capire se la plastica sia stata la causa di queste morti, ma non possiamo più nascondere che sia una minaccia in rapido aumento per gli animali marini, sono necessari studi approfonditi! Per questo abbiamo deciso di solcare i mari e documentare cosa sta succedendo. Il degrado del mare è forse a un punto di non ritorno? Non resteremo a guardare: aiutaci anche tu!


TAPPA6
TAPPA6
TAPPA6
TAPPA6

TARTARUGA VITTIMA DELLA PLASTICA

SARDEGNA (Tavolara - Punta Cavallo)
31.05.2019

Play VIDEO TARTARUGA VITTIMA DELLA PLASTICA


TAPPA7
TAPPA7
TAPPA7
TAPPA7

PARADISI A RISCHIO

ARCIPELAGO TOSCANO (Pianosa)
03.06.2019

Praterie di Posidonia, pareti di spugne multicolore, gorgonie, murene, cernie… da Ventotene a Tavolara fino all’Arcipelago Toscano stiamo documentando questi paradisi di biodiversità, minacciati non solo dall’inquinamento, ma anche dal cambiamento climatico, che può causare delle vere e proprie “onde di calore” anche in mare, con gravissime conseguenze e episodi di mortalità di massa di alcune specie. Il mare sta lanciando un SOS! Dobbiamo abbassare le emissioni di CO2 per mantenere l’aumento delle temperature sotto il grado e mezzo, tutelare le aree più sensibili con Santuari marini e ridurre l’inquinamento. Aiutaci a farlo!


TAPPA8
TAPPA8
TAPPA8
TAPPA8

UN'ISOLA DI PLASTICA?

Elba / Capraia / Corsica
05.06.2019

Una vera e propria "zuppa di plastica": bottiglie, contenitori in polistirolo, flaconi, buste e bicchieri di plastica... imballaggi che vengono usati per pochi minuti, ma restano in mare per decenni. Quello che stiamo documentando oggi dimostra come la plastica sia ovunque, anche in aree come il Santuario dei Cetacei, che sulla carta dovrebbero essere protette. Abbiamo effettuato dei campionamenti con i ricercatori per verificare anche la presenza di microplastiche: i risultati saranno noti nei prossimi mesi. Chiediamo alle aziende di ridurre drasticamente la produzione di plastica usa-e-getta, solo così possiamo salvare il mare: sostieni la nostra campagna!


TAPPA9
TAPPA9
TAPPA9
TAPPA9

UN'ONDA BLU PER GLI OCEANI

ORBETELLO
08.06.2019

Oggi, Giornata Mondiale degli Oceani, il MAYDAY SOS PLASTICA Tour giunge al termine, ma continueremo a rispondere agli SOS del mare! Ci siamo uniti all’onda blu che ha attraversato il mondo per chiedere ai Governi seduti alle Nazioni Unite un Accordo Globale per la creazione di una rete di Santuari che protegga un terzo degli Oceani entro il 2030. La nostra campagna non finisce oggi: dalla plastica al cambiamento climatico, le attività umane stanno provocando dei danni all’ecosistema marino che rischiano di essere irreversibili! Sono necessarie azioni immediate e una precisa volontà politica per salvare i mari e i loro abitanti: NOI SIAMO PRONTI AD ENTRARE DI NUOVO IN AZIONE, E TU? SOSTIENI LA NOSTRA CAMPAGNA!

Contatti

Email
     sostenitori.it@greenpeace.org

Telefono
     800.969.834
     dal lunedì al venerdì

Fax
     06.45439793

Posta
     Servizio Sostenitori Greenpeace Italia
     Via della Cordonata, 7
     00187 Roma

Donazioni tramite carta di credito

Greenpeace utilizza GestPay e mette al primo posto la sicurezza nella gestione delle transazioni. I nostri donatori possono stare tranquilli, i loro dati sensibili sono al sicuro: il pagamento viene effettuato con il sistema di Banca Sella garantito con certificato digitale "Verisign" con crittografia SSL (Secure Socket layer) a 128 bit. Nello specifico, la piattaforma di Greenpeace utilizza il metodo di integrazione tramite "iFrame".

I dati sensibili relativi alla carta di credito degli utenti vengono processati esclusivamente da Banca Sella per i controlli necessari ad autorizzare il pagamento on line. Questo vale anche per le donazioni regolari effettuate tramite carta di credito: in questo caso la prima quota viene processata contestualmente alla donazione. Le quote successive vengono addebitate utilizzando un token crittografato generato direttamente da Banca Sella.

Greenpeace non avrà, pertanto, mai accesso ai dati relativi alle carte di credito utilizzate per le donazioni, ma gestirà solamente i dati relativi all'anagrafica del sostenitore e alla proprietà della donazione effettuata.

In sintesi
Al momento del pagamento il donatore verrà indirizzato in una pagina interna alla piattaforma di Greenpeace, ma integrata tramite iFrame con la piattaforma di Banca Sella dove inserirà il numero della carta di credito. Tali dati viaggeranno in modo criptato soltanto tra il computer del donatore ed il server sicuro di Banca Sella, rendendo quindi impossibile intercettarli o utilizzarli in qualsiasi altro modo fraudolento, né durante né dopo l'acquisto.

Donazioni tramite PayPal

PayPal è un sistema sicuro per i pagamenti on-line che utilizza efficaci strumenti di prevenzione delle frodi.

Donazioni tramite Addebito diretto bancario o postale (SDD-Sepa Direct Debit)

Dal 1 febbraio 2014, in ottemperanza alla normativa europea n.260/2012 e relativo provvedimento applicativo della Banca d’Italia del 22 febbraio 2013, Greenpeace Onlus ha adottato per l’addebito diretto (RID) il servizio basato sui nuovi standard europei Sepa Direct Debit (SDD CORE).

Per i sostenitori che scelgono il sostegno regolare tramite la Domiciliazione Bancaria non cambierà nulla, poiché Greenpeace Onlus si occuperà direttamente di eseguire tutte le azioni necessarie per garantire l’adeguamento ai nuovi standard.

Sostenere Greenpeace in questo modo è facile e più conveniente sia per te che per l’Associazione. Noi possiamo ridurre le spese amministrative e se la tua banca aderisce a  "RID anch'io" tu non pagherai le spese di commissione.

Per avere maggiori informazioni sul servizio SEPA - SDD è possibile consultare il sito sepaitalia.eu.